The Travel
Islas Baleares - 2009-08
viernes, agosto 28, 2009, 06:033PM - Venezuela

Per raccortarvi sul mese di agosto, chiudo gli occhi e lascio che i sapori e i colori di Italia, Francia e Spagna tornino da me.
In questo momento che sto cominciando settembre in Venezuela, mi trovo a milliaia di kilometri da quella realtà, in un`altro continente e in un mondo completamente diverso.
Tornando a gli ultimi giorni di Luglio 2009, riprendo il racconto nel momento che ci siamo trovati con i nostri amici argentini Lili e Néstor a Nice.

Anche loro si sono permessi un viagetto per Spagna e Italia.
Quando io abitavo a Buenos Aires, pasavo giorni senza chiamare ne vedere i miei amici, pero oggi che mi trovo tanto cosi lontana, posso valorizare molto la oportunità di trovarli anche se solo per un paio di ore. E così che ancora stò asimilando la emozione di avere potuto condividere con Lili e Néstor alcune ostriche con birra gelata e un giretto per Montecarlo.

La mattina seguente, loro hanno ripreso il loro viaggio fino a Barcelona e noi abbiamo continuato a fare il percorso per la riviera francese. Dopo 500km. siamo arrivati a la Ville Naturiste de Cap D`agde, che è stata pensata dal ex presidente francese De Gaulle.

Al giorno di oggi, queste posto riceve milliaia di persone ogni estate, che si godono la spiaggia e il mare completamente nudi, e camminano per le strade, vanno in bicicleta, al supermercato al ristorante o alla discoteca a ballare senza vestiti. Noi abbiamo affitato un`appartamento da dove si poteva vedere il mare e abbiamo fatto parte di questa città per tre giorni.

Di ritorno a Italia siamo entrati a San Remo, la città sul mare dove Elena, la mamma di Paolo, ha il suo appartamento di estate. Lei rimane lì i mesi di luglio e agosto insieme a Giulio, figlio della sorella di Paolo, di 15 anni e condivide le giornate con i suoi amici Stefania y Enzo.

Quella sera avevo un forte dolore di testa, che a volte soffro, e del quale al giorno d'oggi non ho ancora potuto scoprire la causa, pero mi viane sempre quando prendo molto caldo. Elena sera mi ha oferto un té di camomilla nella sua casa, e mi ha fatto un masaggio fino a che mi sono sentita meglio e pronta para riprendere il viaggio. GRAZIE ELENA!!!

In quei giorni la città di Milano ci ha ricevuto con 40 gradi. Per prendere un po' di fresco, abbiamo deciso di andare in montagna a visitare a gli zii di Paolo. Abbiamo cambiato l`auto sempre prestata da Ale e siamo arrivati as Auronzo di Cadore, al nord di Italia e a 400km di Milano. Abbiamo cominciato agosto circondatti di un formidabile paesaggio con un`aria fresca nella casa dei zii Vilma y Nino.

Abbiamo assaggiato squisiti cibi che ci hanno fatto Vilma e Giorgio: polenta al succo di coniglio, risotto ai funghi, cotoletta alla milanesa, melanzane alla parmigiana, grillada di carne, cannelóni di ricota e spinaci, etc, etc.
Abbiamo condiviso bellisimi giorni in famiglia, e con Giorgio e Betty, i cugini di Paolo, abbiamo fatto belle caminate per la imponente zona di Auronzo.

Insieme agli amici degli zii Lino e Lella abbiamo fatto un giretto per il Comélico Superiore y la Val Pusteria, molto vicino all'Austria dove ci siamo fermati per deliziarci di un te con torta di cioccolato. MMMHHH RICO!!!.

Rientrando a Milano abbiamo scoperto che tutta la città era piena de cartelloni con la nostra fotografia. Uno di questi era addirittura davanti all'ufficio di Paolo e Jack: sembrava messo apposta!

Per caso una mattina facendo tramiti per Milano siamo passati per il Palazzo Reale, dove un fotógrafo americano stava scattando delle fotografie per fare la publicità della prossima mostra del pittore Edward Hopper. La sua équipe ci ha invitato a participare gratuitamente.
Ci siamo baciati e il fotografo esclamó entusiasta: -"Wow, they are kissing, beautiful!"

Un venerdì sera Alex e Isa, ci hanno invitato nella loro bellisima casa in un elegante quartiere di Milano, dove ci siamo incontrati con alcuni cari amici. Abbiamo condiviso una squisita cena (guarda che novità in Italia trovarsi per mangiare bene e tanto!). Dopo abbiamo ascoltato musica, guardato delle foto, abbiamo chiachierato, abbiamo scherzato e abbiamo proposto divertenti giochi e riso tutta la sera. Grazie al exuberante Alex e a le simpatiche ragazze Alessandra, Cate, Isa e Katri abbiamo passato una sera geniale!!!

Agosto è il mese nel quale la città di Milano si vuota completamente perche la magior parte se ne va in vacanza al mare oppure alla montagna. Anche i nostri amici Valentina, Andrea y Matilde partivano per la Sardegna, e ci siamo trovati per salutarci.

Noi con Jack e Katri, una bella ragazza finlandese di 20 anni che avevamo appena conosciuto, abbiamo deciso di andare a fare una settimana en barca a vela per le isole Baleari. Abbiamo guidato fino a Barcelona, facendo un percorso di 1.000 km. atravesando Francia in una notte.

La mattina seguente abbiamo preso un aereo fino a Palma de Mallorca, dove ci stava aspetando la barca a vela "Seconda Stella" e sei persone in più che facevano parte dell'equipaggio.

Abbiamo passato la seconda settima di agosto navegando per le isole Baliari, in compagnia di un grupo di italiani molto divertenti. Por essere la mia prima volta su un veliero il mio corpo ha avuto bisogno di un tempo per abituarsi al movimento delle onde a volte tranquile a volve agitate.

Dopo di che il resto della settimana è consistito nel godere del viaggio e del mare turchese pronto per rinfrescarci dell'intenso sole.

Quando è salito il vento ci ha permesso di navigare con velocità e sentire la energìa del movimento. Anche Paolo ha preso il timone e con molta tranquilità ci ha portato en giro cincondando la isola di Ibiza.

L'11 di agosto abbiamo festeggiato il compleanno di Paolo a San Antoni, che è un posto strapieno di gente sulle strade, nelle piazze e nei locali di vita notturna. Dato che tutti erano in vacanza, tutta la isola era in festa.

Il 12 di agosto é stato il compleanno di Jack, e già eravamo a Formentera. Abbiamo continuato il festeggio, in questo caso in un bar sulla spiaggia, dove abbiamo preso caraffe giganti di mojito.

Durante la navigazione, abbiamo preso il sole, ascoltato musica, gioccato a carte, ballato salsa, fatto yoga. Mentre Jack si ocupaba di far da mangiare per dieci persone, sempre in maniera eccellente.

Però di tutte le cose che abbiamo fatto la più emozionante è stata prendere il timone sotto le istruzioni del capitano e condurre la barca in un mare con onde di quatro metri di altezza.

L'ultimo giorno, la nostra amica filandese Katri ha avuto un forte mal di schiena: una cistite che sembrava una nefrite, perchè aveva febbre. La abbiamo fatta scendere della barca, e abbiamo chiamato un`ambulanza per farci prendere en un punto della isola di Formentera.
In pochi minuti sono arrivati e ci hanno portato al hospédale pubblico, dove le hanno fatto inmediatamente analisi del sangue, della pipi, ecografie e dove la hanno mantenuta in osservazione per alcune ore.

La stessa sera i medici le hanno detto che poteva andare via, le hanno dato tutti i risultati e tutti gli antibiotici da prendere per dieci giorni per combatiere la sua infezione.
Semplicemente mostrando la sua tessera sanitaria che hanno tutti i cittadini della Unione Europea, non ha dovuto pagare niente.
Questo mi ricordò che eravamo nel PRIMO MONDO!!!

La avventura della barca a vela è stata molto interessante e intensa. In ogni spiaggia trovavamo gente con o senza costume da bagno che condividevano la natura con libertà e rispetto. GENIALE!!! Questo non lo avevo trovato in nessuna spiaggia di Francia e nemmeno di Italia.

Finita la settimana siamo sbarccati a Ibiza il 15 agosto, abronzatisimi e felici.

Abbiamo riposato due giorni nell'isola, affittando una antica casa inmersa in una pineta, godendoci una neravigliosa vista al mare e dei tramonti.

La ultima sera sulla isola abbiamo fatto un giretto per il centro storico e abbiamo anche assaggiato del buon cibo spagnolo. Ibiza è una isola bellisima con le sue calette rocciose e le colline di pini verdi, strade pulite e gente molto gradevole. Secondo me è una isola magica, romantica, piena di encanto e di vita.

La mattina seguente abbiamo preso l`aereo di retorno al continente. A Barcelona abbiamo pasato un giorno caminando per se sue incantevoli strade Abbiamo salutato la città mangiando nel "Taller de las Tapas" della Piazza "San Josep Oriol" dietro della chiessa del Pí a due isolati dalla Rambla.

Dopo aver recuperato l'auto, abbiamo cominciato a riprendere piano piano la costa verso Francia. A Cadaques ci siamo fermati a bere qualcosa y assaggiare un gazpacho prima di abbandonare le sensuali terre spagnole.

In Francia ci siamo fermati due giorni a Nice. Nella spiaggia Des Pissarelles abbiamo salutato il mare della Europa, prendendo il sole e nuotando nelle sue acque.

Siamo entrati a Montecarlo per vedere la città di giorno, e cammiando per le sue strade abbiamo visto un defilé della High Society Francesa nelle sue auto Ferrari e Porsche ultimo modello.

A Mentón, l`ultimo pasesino di Francia prima de entrare in Italia, ci siamo fermati per festeggiare con una birra gelata e una socca (farinata in italiano e fainá in spagnolo).

E per chiudere la temporada con un ricordo di alto livello, Jack ci ha invitato a abbuffarci con il PLATEAU ROYAL composto di ostriche, granchio, arangosta, vongole, cozze, lumache di mare e altro ancora... ESQUISITO!!!!!!!!!!!

David, il Doc cugino di Paolo, ci ha invitato a casa sua ad Arona a 50 km al nord di Milano. Lì ho conociuto la sua compagna Rossana e la loro figlia Arianna di 12 anni. Abbiamo condiviso un giorno molto divertente nella piscina del loro giardino.

Sempre per via del calore impressionante della Valle Padana, e poichè Paolo aveva promesso allo zio di aiutarlo a dipingere il tetto dello chalet, siamo tornati ad Auronzo di Cadore, dove tutti ci hanno ricevuto con molto amore.

Paolo, Nino e Giorgio, hanno lavorato limando e dipingendo il tetto della casa per mantenerla in buon stato. Incredibile Nino, che a quasi 80 anni riesce a fare cose impensabili per molti! E che dire della zia Vilma, che nonostatnte il suo dolore di schiena cronico, non smette un attimo di cucinare pasti buonissimi per tutti. Spero che un giorno si decida a contrattare una signora che la aiuti.

Insieme a Massi y Franci abbiamo fatto alcune passeggiate molto divertenti per la montagna e il lago.

Abbiamo condiviso chiaccherate con Beatrice di 15 anni, ascoltando la sua prima storia d'amore e le sue prime ribellioni naturali della sua età.

Paolo e Elena, i nostri vicini e amici ci hanno invitato a una grigliata che abbiamo condiviso con Denis, Thao e con una decina di amici in più.

Così abbiamo salutato Auronzo in un bell`ambiente fra il cibo abbondante, litri di birra e chiaccherate di politica.

Nella autostrada verso Milano ci siamo fermati a Pozzolengo, una città a pochi kilometri da Verona. Lì ci aspetava Mauro Geddo, un caro vecchio amico di Paolo. Mauro e sua moglie Enrica ci hanno invitato a pranzare insieme nella loro casa e ci hanno presentato al loro figlio Marco.

Abbiamo condiviso un giorno molto divertente, ridendo dei loro anedotti e vedendoli godersi la loro antica complicità che al giorno d'oggi ancora li unisce. Mauro e Enrica ci hanno oferto mele, pere, uve, fichi, pesche e una cesta di pomodori del loro orto, che abbiamo raccolto insieme.

Ci hanno presentato al loro "zio adottivo" Piero. Lui è una di quelle persone con la quale uno potrebbe stare ore godendo della sua compagnia. Lui è il padrone di un sonriso splendido che fa vedere la sua saggeza dei suoi pensieri e la suo arte per esprimerli.

Piero ci ha offerto due vasi di marmelata di fichi fatta in casa da lui stesso, con un sapore fresco e inolvidabile. Grazie Mauro, Enrica, Marco e Piero, per la bella giornata insieme.

Sulla strada di ritorno siamo entrati a Sirmione, un paese su una lingua di terra che entra nel Lago di Garda. C'è un antico castello circondato da stradine di pietra con bar e ristoranti sul lago. Sembrava un un luogo venuto fuori da una favola.

L`ultima settimana di agosto siamo stati a Milano per salutare gli amici. Jack a casa sua a fatto kili di cozze e un succo piccante di polpo e pomodori per la pasta, che abbiamo condiviso con Adri e Massi. Esquisito!!!!!

Abbiamo fatto una ultima gita in Svizzera Abbiamo costeggiato il lago e tutti i deliziosi paesini e a Lugano siamo entrati nel Museo D'Arte Moderna dove s'era una mostra di Yves Klein, di cui Paolo è un gran conoscitore.

L`ultimo pranzo nella Piazza del Duomo lo abbiamo riservato per condividerlo con Jack e le sue sorelle: Iaia y Chia. Loro ci hanno raccontato delle loro vacanze in Sardegna, Francia e. Tibet!

Abbiamo salutato il centro stórico di Milano con una coppa di champagne, insieme a Iaia nella terraza della Gallería Rinascente di fronte al Duomo.

Nella casa de nostri cugini Giorgio, Betty insieme a Bea, Massi y Franci, abbiamo organizzato una cena per salutare alcuni amici e i loro figli. Sono venuti Stefano e Sara con Costanza, Andrea e Valentina con Matilde. Abbiamo mangiato pizza, chiacchierato per un bel po' e guardato i bambini di diverse età giocare insieme.

L`ultima sera di agosto é stata l`ultima sera della nostra vacanza in Europa. Gli ultimi amici li abbiamo invitati a un aperitivo soto l'appartamento di Jack.

Ale e Mónica, Manuela e Alessandra, Johnny e Cristina (la fotocopia de la presidenta Argentina), Nadia e Jack, Gabri e Pietro.

Infine, a casa sua, Jack a fatto una Pasta alla Carbonara nella versione di Ugo Tognazzi: "Cheirbonaurau" all'Americana, ricetta estratta del libro "Storie da ridere e ricette da morire"

Cosi è finita questa maravigliosa, incredibile vacanza di due mesi e mezzo in Europa. Grazie a tutti per il cariño che ci avete dato, e un ringraziamento molto speciale per Ale e Jack, due SIGNORI, tutto maiuscolo, senza i quali niente di questo avrebbe potuto essere.
Abbiamo potuto vedere posti indimenticabi, mangiato il meglio al mondo, e abbiamo condiviso bellissimi momenti anche se brevi, con amici e familiari.
Purtroppo non siamo riusciti a vedere tutti: pensiamo a Carlo e Roberta di Alessandria, Davide e Eleonora, Elena e Maurizio, Vanna e Claudio, Elisabetta, Laura e Riccardo, Amelia, Caroline, Chiara e Valeria, y, last but not least, Loretta, con Silvestro e Luciana a Venezia. Infine, accanto a tanti altri qui non scritti, Maurizio Cotti e Luciano de Angelis che in quei giorni erano in vacanza in Italia dal Venezuela e anche a Daniel, allo zio Sandro e la zia Lina, che purtroppo non sta bene e a cui va il nostro pensiero affettuoso.
Guau.. credo che ho trovato il motivo perfetto per tornare presto!

HASTA LA PROXIMA. Vi vogliamo tanto beneeeeee!!!!!!!!
EMIKO Y PAOLO.